domenica 21 settembre 2014

Settembre: raccolti e inizi

 Settembre, si sta avviando al termine e tra pochi giorni finirà ma non prima di lasciarci un ultimo dono: l'Autunno, la stagione che più amo. E' vero è stata un' Estate anomala, uggiosa, piovosa ecc ecc ma non è stato Autunno...  all'appello mancavano i colori, i profumi e i sapori ... e scusate se non è poco! ... e io non vedo l'ora! Già si scorgono alcune foglie dipinte di rosso e di giallo, l'uva matura suggerisce che a breve degusteremo il vino novello e intanto funghi, zucche, cavoli, cachi, noci fresche e gli ultimi fichi fanno capolino nei nostri menù.
 La febbre ci ha "bruciato" un po' di ferie, ma non è mancata una gitarella in campagna ad ammirare i primi mutamenti della Natura.
Settembre è anche mesi di inizi... è rincominciata la scuola materna e ohinoi il lavoro ... ma abitando fortunatamente quasi in campagna non rinunciamo ai nostri "Raccolti" quotidiani, come una bella scorpacciata di fichi, che Pi rifiuta a tavola ma adora degustare se colti da un albero: piccolo cucciolo selvatico!!!
 Abbiamo fatto delle talee di ipomee bianche e viola, su suggerimento di Tzugumi ... e forse forse stanno attecchendo...
In campagna invece abbiamo colto le zucchette ornamentali dall'orto e le more tardive
 .. e ancora tornando da scuola : semi di Belle di Notte (Mirabilis Jalapa) da piantare in Primavera e fiori di finocchietto selvatico dalle molte proprietà terapeutiche e culinarie...
 ... e poi di nuovo in campagna ... raccolta di nocciole tramutate subito in merenda, rompendole così, con una pietra, seduti per terra a gambe incrociate lungo la via... e portate a casa, tostate e tramutate in torta...
 ... indescrivibile è la sensazione di penetrare in un bosco fitto e silenzioso e, sotto un groviglio di rami di nocciolo,  alzare la testa, lo sguardo, verso l'alto alla ricerca dei suoi frutti ben mimetizzati tra le foglie illuminate; se si sta in silenzio e sgomberando la mente dai propri pensieri, si può riuscire ad entrare in sintonia con l'albero...
Uno tra i più preziosi ornamenti di cui si riveste l'autunno è costituito dalle bacche rosse, ve ne sono di molteplici, ad esempio quelle della rosa canina o del biancospino...
E' così che io mi ricarico e mi depuro... ognuno ha bisogni e caratteri diversi, c'è chi necessita di shopping, chi di qualche giorno in un centro benessere, chi di starsene in spiaggia a rosolare al sole, chi di chiudersi in casa... io ho assoluta necessità di boschi, di camminare sull'erba, di far rotolare i pensieri, come i sassi che scalciati finiscono giù dai dirupi, ho bisogno di silenzio, di una colonna sonora fatta di canti d'uccello, foglie e rami suonati dal vento... solo così riesco a "rinfrescarmi" la mente e a caricare il corpo.

Ho bisogno di ammirare la bellezza dei fiori e la loro diversità e sono avida sempre di più di conoscerla questa natura. Non c'è nulla di più gratificante di guardarmi in giro, nel bosco, sul prato... e ri-conoscere le piante e le loro proprietà. 
Mentre ci gustavamo le nostre noccioline appena colte, io e il cucciolo ci siamo divertiti a realizzare un "mandala" di fiori... un'idea che non mi era mai venuta, lo ammetto, ma da cui ho tratto ispirazione in rete, specie da qui , qui e da qui. La cosa curiosa era che il cucciolo si è stupito quando gli ho detto di cogliere i fiori... cosa che di solito tendenzialmente proibisco... abbiamo avuto cura però di usare  quelli più comuni, insieme a foglioline, pietre, bacche di rosa canina, bucce di nocciolina... e ci siamo divertiti un mondo

Settembre è stato anche il mese delle ultime "bombe" d'acqua sul poggiolo, il mese della "lentezza" ... rispetto alle corse affannose dei mesi precedenti che mi hanno portata ad essere super-stressata .
Di questi giorni mi è piaciuto pranzare e cenare con gusto, calma e cura... spesso con ingredienti super-auto-prodotti... come le patate e le zucchine dell'orto e i funghi raccolti dal bosco, degustare i vini che ci sono stati portati da mia suocera dal Portogallo.
Ho trovato rilassante leggere libri " nelle mie corde ", gironzolare tranquilla in centro, alla Feltrinelli, nel negozio bio, provandomi due magliette,  mentre il cucciolo era all'asilo, assaporando un po' di quella solitudine e tranquillità, che mi è sconosciuta da tempo
... le soddisfazioni della pasta madre, il "mistero della scarpa spaiata (che continua ad allietare le mie passeggiate)... e pranzare nella mia trattoria preferita, dove tutto ormai per noi è tradizione: anche gli avventori...
... e ora dopo aver raccolto tutto ciò mi appresto a rincominciare tutto per davvero... sperando di ricavare qualche seme di tranquillità e di serenità da usare nelle emergenze inevitabili del quotidiano!!!

6 commenti:

  1. bentornata. Ben ritrovata.
    il piccoletto ha ragione... i fichi si mangiano dall'albero, quelli del negozio non hanno lo stesso sapore.....W I BIMBI CHE CAPISCONO!
    Con le bacche rosse... fatti una collana, io da piccola la portavo sempre! Basta un ago da lana, filo e tante bacche...... Il piccolino ne sarà entusiasta!
    Con le nocciole....fatevi una crema da spalmare.....tritando le nocciole finissime con zucchero di canna e unendo cioccolato amaro sciolto a bagno-maria, con 2 cucchiai di olio di mais e latte vegetale. Meraviglioso!
    PS ......E qualche minuto da Feltrinelli rimette in pace con se stessi, vero? Un grande abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
  2. Che bellezza il tuo mandala, brava!
    E sottoscrivo ciò che sostiene il tuo bimbo, i fichi si mangiano dall'albero, te lo dice una che da piccola fece una bella indigestione.
    E le nocciole si spaccano con la pietra, non c'è altra maniera, Un bacione e buon inizio autunno!

    RispondiElimina
  3. Francesca, piacere di conoscerti! Grazie per essere passata dal mio blog, così sono venuta qui e... che meraviglia!!! Anche tu amante dell'autunno eh? Ma hai fatto tu quei disegni di more e nocciole? Sono stupendi. Complimenti per tutto e buon inizio autunno, intanto mi aggiungo ai tuoi lettori!

    RispondiElimina
  4. I non so perchè tanti lo vedono come una stagione cupa ma a me l'autunno dà euforia verso ottobre...e adoro il rossiccio delle foglie, il profumo di nuovi fiori e frutti...e dei funghi. Ieri mi hanno mandato dei semi di Bella di notte e non vedo l'ora di veder sputare le piantine. Hai messo delle foto bellissime, tante e tutte meravigliose.

    Sul mio blog trovi un gioco in corso (per chi è già mia follower sui social) http://lalunadistefylu.blogspot.it/2014/09/ci-sei-giocando-con.html

    Ti aspetto, se ti va ;)

    RispondiElimina
  5. Come spesso accade, questo post potrei averlo scritto io, in particolare mi ritrovo nelle tue sensazioni nel bosco. Io purtroppo, delle nocciole trovo solo i gusci perché, specialmente quest'anno, ci sono molti scoiattoli, ma rinuncio volentieri per loro, sono stupendi. Funghi invece, ne ho trovati alcuni a giugno, ma poi più niente, mi chiedo se arriveranno ancora. Ad ogni modo, ultimamente, approfittando delle splendide giornate, abbiamo fatte delle belle gite, magari vinco la pigrizia da blog e presto farò un post. Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
  6. Oh, come ti capisco quando scrivi che le passeggiate nel bosco ti ricaricano.
    Davvero bello questo post.
    Ti abbraccio tanto tanto
    Francesca

    RispondiElimina