sabato 13 settembre 2014

Ossigeno e buoni propositi

Val di Rhemes - Lago di Pellaud


Dopo questa stramba ed affannosa estate è finalmente arrivato Settembre, il mio mese prediletto che si è rivelato un "sunto" perfetto dell'anno trascorso finora ovvero un concentrato di alti e bassi... senza alcuna possibilità di via mediana. 
I primi giorni, la prima settimana è stata il riscatto dell'estate intera: dopo pioggia infinita, umidità, lavoro stressante, ansie e salute che andava a farsi benedire è finalmente arrivata l'ora di partire per la Valle d'Aosta (una seconda chance visto che a Luglio la vacanza era saltata per i miei 40 e passa di febbrona...)

Val Veny - verso il Rifugio Elisabetta Soldini
... ed è stato magnifico: relax assoluto, aria buona, cieli tersi e giornate che a detta dei ValdAostani sono state tra le migliori della stagione...  Quello che più mi ha resa orgogliosa è stato Pì che con le sue scarpette da trekking ci ha seguiti all'avventura, scarpinando, scalando, guadando e senza quasi mai lamentarsi, un vero camminatore...
ancora Val Veny  - la meravigliosa strada verso il Rifugio Elisabetta
... al rientro però la febbre questa volta è toccata al cucciolo. Così la seconda settimana di anelate ferie è trascorsa da quasi-reclusi in casa, tutti un po' tristi e nervosetti con la sorte. Il cucciolo perché si stava pesantemente perdendo il rientro alla scuola materna e noi perché ci stavamo bruciando dei giorni di vacanza in cui avevamo tanti piccoli e grandi progetti, sia come coppia che come famigliola. Poi prevale il buonsenso, si sa l'importante è la salute, "evvabeh ci si riposa lo stesso"... ma è stata duraaaaaaa.....
Rifugio Elisabetta Soldini 
... ma poi torna il sereno, la febbre passa, Venerdì andando dal pediatra si passa da scuola e l'accoglienza calorosa che i compagni e le maestre hanno riservato al cucciolo mi ha riempito il cuore, lasciandomi commossa e felice... vedere il modo in cui tutti i suoi amici gli sono corsi incontro e l'hanno abbracciato mi ha alleggerita di tutto...
Valpelline - c/o diga Place Moulin - verso il rifugio Prarayer

... e oggi è stata una bellissima giornata, un piccolo passo verso la routine e la normalità ma ancora libera dal lavoro... il viaggio in treno verso Sestri, la colazione consumata ciatellando con la mamma, gironzolare in solitaria per un mercato caotico in cerca di precise stoffine ponderate, una passeggiata per i negozi della via pedonale, il pranzo nella mia trattoria prediletta nel centro di Genova, un giro in libreria donandomi una riedizione di Chiara Gamberale e "Vita nei boschi". 
Il pomeriggio si è concluso sul tetto, giocando al sole sopra la città e il mare che brillavano... e preparando una gustosa cenetta. Stasera ho mille idee che mi frullano per la testa, propositi di lettura, scrittura, disegno. La macchina da cucire aspetta solo di essere azionata... e il blog??? Non so che cosa ne farò. Posto dal 2006... ormai fa proprio parte di me... le liste sono state una terapia e forse quest'estate ho anche risentito nel non stilarle più... avrei molto da scrivere, da dire, da condividere, ma com' è logico che sia non sono più la stessa di 8 anni fa e la voglia e il tempo vengono meno... vi farò sapere se ci saranno cambiamenti o se semplicemente riprendo da qui... come se niente fosse :D

5 commenti:

  1. Bentornata! Fa piacere leggere che qualcun'altro tenta dei trekking con i bambini senza farsi bloccare da eventuali problemi e poi ne risultano giornate soddisfacenti per tutta la famiglia!

    Per lo scrivere sul blog, non so darti consigli, anche io mi sento un po' bloccata ma spero che tu continuerai a scrivere. Buon settembre!

    RispondiElimina
  2. Che belle foto!!! Aspetta qualche giorno, vedrai che troverai l'equilibrio giusto!!!

    RispondiElimina
  3. Che foto meravigliose! quest'anno mi è mancata tanto la mia montagna (andiamo sempre in Alto Adige), ma anche la Valdaosta deve essere bellissima, sono passata solo una volta da quelle parti, si potrebbe mettere in lista per il prossimo anno

    RispondiElimina
  4. Sono una vera amante della montagna e non passa giorno che non mi incanti a guardare le mie montagne dalla finestra! Bellissimo reportage. Baci!

    RispondiElimina
  5. Sto guardando le foto a bocca aperta, ho sempre pensato che la Valle d'Aosta fosse stupenda e vorrei tanto andarci prima o poi. Chissà quante belle passeggiate. Adesso però, voi dovete rimettervi in forma, insomma, basta febbre!!
    Spero tanto che tu non abbandoni del tutto il blog, ormai, sei l'ultima rimasta dei miei "vecchi" amici virtuali. Proprio in questi giorno ho dato un'occhiata ai miei primi post, mammamia, quante cose sono cambiate, ma in fondo in fondo, sono sempre la stessa, e pensa che avrei tante cose da scrivere, chissà, magari mi ci metto pure. Ciao

    RispondiElimina