martedì 28 aprile 2009

PD?????

Siamo in Primavera, ma il clima ci detiene ancora in una specie di autunno... prima o poi però l'estate arriverà e insieme a lei ci saranno le elezioni.
E' da agosto che io avevo intuito la portata della crisi in cui ora versiamo, perchè i cartelli pubblicitari, prima allettanti con succulente offerte o con immagini di graziose veline, mi apparvero improvvisamente nudi e spogli.
In questi giorni, in vista del prossimo evento elettorale, codesti contenitori semi-mediatici appaiono nuovamente ricchi di manifesti affissi con sgargianti colori che finalmente riempiono il grigio vuoto degli ultimi mesi.
Prevalentemente ad essere incorniciati sono la colomba della pace e le immagini di speranza di Casini, l'Europa capovolta di Di Pietro e svariati messaggi del PD ... questi ultimi personalmente mi lasciano un po' perplessa!!!
Chi mi conosce sa che sono "antiBerlusca", ma proprio per questo mi sto innervosendo a vedere con cosa si sponsorizza questo partito!!! Sono immagini d'effetto senza dubbio alcuno, l'avranno studiate fior fior di pubblicitari ... ma io mi chiedo:
europa

"L'Europa si occupa di chi perde il lavoro. Berlusconi no. Noi siamo europei!" Anch'io sono europea e concordo sia con il primo postulato quanto con il secondo... ma essendo il PD il possibile candidato quale ruolo si propone in tutto questo? Non ce lo accenna minimamente... cosa vuol fare??? Afferma una verità vero... ma quello che dovrebbe pubblicizzare è magari una soluzione, una promessa, un impegno... e invece no... scrive un messaggio che equivale alla scoperta dell'acqua calda!!!  Io ho perso il mio lavoro da Co.co.co in un ente pubblico sotto un governo gestito da Loro, sotto una giunta e un sindaco del PD.... cosa vogliamo fare adesso?
La soluzione che ci propongono è questa:
povertà
inquinamento
e io sarò contorta nei miei pensieri.... ma non mi piace!!! Non la vedo come un'immagine in cui Noi con il nostro voto possiamo cambiare queste cose no no!!! Per cambiare le cose Franceschini non ci mette la sua faccia, ma la forza fisica della gente che sposta le parole.... quindi sappiate che non abbiamo speranze, l'unico metodo per allontanare "inquinamento" "disoccupazione" "povertà" e "Berlusconi" sono le nostre sole forze.... magari spingendo via queste "brutte cose" con una bella Rivoluzione. Questo è il messaggio che leggo in quei cartelli!!! ...

..... e poi cosa c'entra Berlusconi in questi spot??? L'antiberlusconismo la credono la loro carta vincente!!!! Sbagliano, devono smetterla di fondare le loro campagne elettorali sul fatto di proporsi come controparte a lui, si propongano in quanto Sinistra e non come antiBerlusconi, ci forniscano delle motivazioni serie, un'opposizione seria, ci dimostrino davvero di essere diversi con i fatti e con le parole. Non si abbassino ai livelli dell'avversario con una propaganda sleale e fragile! Facciano si che gli Italiani vadano alle Urne perchè li Vogliono votare e non come al solito perchè si trovano obbligati a decidere tra il "marcio e la muffa".
"ORA E SEMPRE RESISTENZA!!!!!!!!"

venerdì 24 aprile 2009

25 aprile e il console

Domani è il 25 aprile ed è un giorno importantissimo. Stasera vorrei parlare di moltissime cose, di infinite riflessioni che si sono sviluppate oggi nel corso dei miei pensieri. Mi piacerebbe esaltare la mia città Genova, che unica si liberò da sé, con la sola lotta partigiana e non con l'intervento degli alleati e questo mi rende ancor più orgogliosa di essere nata qui... in questa piccola striscia di terra tra i monti e il mare.
Vorrei anch'io ricordare, come ha fatto la maratoneta, la meravigliosa persona che è stata Emilio Roncagliolo, nome di battaglia Lesta, il suo sorriso illuminante, il suo orgoglio nel narrarci per le vie di Sestri le sue imprese battagliere e vorrei anche esprimere il rammarico di non essere riuscita mai ad intervistarlo, per trasmettere ai posteri la realtà della resistenza partigiana.
Mi piacerebbe raccontare l'emozione che ancora si vede negli occhi della zia Cia, quando mi racconta di aver incontrato Aldo Gastaldi, "Bisagno",  in un sentiero della ValTrebbia,  e dinnanzi ad un personaggio ormai epico, in lei scattò quasi un timore riverenziale che si risolse in un timido saluto gentilmente ricambiato.

Vorrei poi parlare di un altro uomo combattivo e dai grandi ideali che ci ha lasciati: Paride Batini, il console della Compagnia Unica di Genova. Un altro uomo che ha saputo "resistere", seppur in un contesto diverso, un uomo che ha lottato, è stato coerente, ha saputo guidare ed insegnare. Vorrei poter descrivere la folla che oggi in sala Chiamata lo ha salutato, le diverse generazioni che si stringevano intorno a colui con cui hanno condiviso tanto e lavorato duro per trasformare gli ideali in realtà concreta. Erano presente moltissimi Uomini, Vecchi e Giovani, che hanno reso e rendono vivo questo porto con la loro fatica quotidiana. Persone che come gli ha insegnato lui sono e sanno essere Portuali sempre, con orgoglio.
Il "camallo", lo scaricatore di porto, per antonomasia viene etichettato come un "duro", per l'essenza del suo lavoro, per la fatica che non si risparmia... eppure oggi i loro volti erano tutti segnati dal dolore, gli occhi pieni di lacrime ... il mio stato d'animo non era diverso...  da ogni cosa trapelava emozione:  la partecipazione, i visi, le intense parole di Don Gallo, l'unione della Compagnia, gli applausi lunghi e fragorosi, i silenzi e i pugni alzati.......un pezzo della storia di Genova se ne è andato con lui!!!

E così ho pensato che ci sono ancora mille occasioni per r-esistere in questa società... e mille modi di farlo. Tantissimi di noi lo fanno quotidianamente, restando coerenti, lottando per il bene, nostro e del prossimo, comportandosi rettamente e seguendo i propri ideali. Le parole servono a poco... possono insegnare e guidare questo si... ma quello che ha fatto di certe persone dei personaggi storici positivi sono state le azioni, perchè con il loro comportamento hanno saputo garantire la libertà!!!


LO AVRAI,
CAMERATA  KESSELRING,
IL MONUMENTO CHE PRETENDI  DA NOI ITALIANI,
MA CON CHE PIETRA SI COSTRUIRÀ
A DECIDERLO  TOCCA A NOI,
NON COI SASSI AFFUMICATI
DEI BORGHI INERMI STRAZIATI  DAL TUO STERMINIO,
NON COLLA TERRA DEI CIMITERI
DOVE I NOSTRI  COMPAGNI GIOVINETTI
RIPOSANO IN SERENITÀ,
NON COLLA NEVE  INVIOLATA DELLE MONTAGNE
CHE PER DUE INVERNI TI SFIDARONO,
NON COLLA PRIMAVERA  DI QUESTE VALLI
CHE  TI VIDE FUGGIRE,
MA SOLTANTO COL SILENZIO DEI TORTURATI
PIÚ DURO D'OGNI  MACIGNO,
SOLTANTO CON LA ROCCIA DI QUESTO PATTO
GIURATO  FRA UOMINI LIBERI
CHE VOLONTARI  S'ADUNARONO,
PER DIGNITÀ NON PER ODIO,

DECISI A  RISCATTARE
LA VERGOGNA E IL TERRORE DEL MONDO
SU QUESTE STRADE SE VORRAI TORNARE
AI NOSTRI  POSTI CI TROVERAI
MORTI E VIVI COLLO  STESSO IMPEGNO
POPOLO SERRATO  INTORNO AL MONUMENTO
CHE SI  CHIAMA
ORA E SEMPRE
RESISTENZA 
(Piero Calamandrei)

domenica 19 aprile 2009

Bacioni da Firenze

Sono stata alcuni giorni a Firenze per un corso di lavoro. Ormai conosco questa città come le mie tasche!!! E' stata una settimana interessante dal punto di vista professionale ... e anche enogastronomico ah ah!!! Venerdì poi con mio marito siamo stati a San Gimignano e Certaldo, due luoghi incantevoli e la loro magia è stata incorniciata dalla primavera che colorava i colli toscani. Sono ancora inebriata dal profumo dei glicini......

muro fiorentino da te.
questa sorta di "timbrino gigante" tapezzava i muri della semiperiferia fiorentina... mi ha colpita molto... anche perchè purtroppo o per fortuna ne condivido il messaggio!!!

domenica 5 aprile 2009

"Sentire"

Spesso quando alle persone si chiede a quale dei 5 sensi rinuncerebbero invecchiando, rispondono l'udito, o per lo meno lo si posticipa alla vista. Io per prima concordo e spero che nell'affievolimento dei sensi, che conduce alla così detta terza età i miei occhi siano sanissimi per poter continuare a leggere, guardare film, sfogliare riviste e quindi passare il tempo. Però stamane riflettevo sull'importanza dell'udito, su quanto lo diamo per scontato, su come lo maltrattiamo a volte. Lavoro ormai da un anno con pazienti audiolesi e mi rendo conto di cosa si desideri sentire e cosa no. I sordi arrivano da noi sempre speranzosi di riudire il chiacchiericcio dei nipotini e suoni importanti per la loro incolumità e sicurezza. Una volta protesizzati sorridono raccontando di aver finalmente risperimentato il suono del gorgoglio del fiume sotto casa o il cinguettio degli uccelli, ma fanno fatica a riadattarsi ai rumori, al traffico, al brusio. Stamattina mi sono sdraiata sul divano ad ascoltare musica classica, mi sono concentrata sulle melodia della Moldava di Smetana, e mi sono ritrovata con la pelle d'oca sulle braccia innervosendomi moltissimo quando lo squillo del telefono ha interrotto quel momento magico di meditazione e pace. Da qui è seguito un ragionamento.... l'udito nella nostra società sta diventando quasi qualcosa di spiacevole perchè non lo coltiviamo. La nostra quotidianità è fatta ormai prevalentemente di rumori, la musica e la natura stanno diventando solo un sottofondo alle nostre azioni.
La vista di un bel paesaggio, di una bella immagine, di una buona azione, ci commuove. Il gusto dei nostri cibi preferiti ci solletica il palato. Toccare qualunque cosa trasmette sempre una sensazione alla nostra pelle. Il profumo di un fiore, l'odore della persona amata, delle lenzuola fresche di bucato, della pioggia, del caffè caldo ci trasmettono ancora emozione. Ma quante sensazioni positive traiamo dall'udito? Poche... perchè o le diamo per scontate o non si ricercano più. Cosa sarebbe un film senza colonna sonora? Eppure si dice ho "visto" un film.... il "sentirlo" è incluso nella visione??? Non si passeggia più nei boschi ascoltando il fruscio degli alberi, lo schiocco del legno, il calpestio delle foglie, il canto degli uccelli. Anche al mare a momenti non si riesce  nemmeno più a distinguere il suono della risacca. La musica l'ascoltiamo facendo i lavori di casa o camminando per strada ma non ci sediamo sul divano concentrandosi solo su quello che ascoltiamo. La voce delle persone amate..., il suo timbro, si trascurano e  resta solo il significato delle  parole... non il loro suono.
Un consiglio quindi.... ogni tanto fermiaci, chiudiamo gli occhi e lasciamoci trasportare dalle magiche sensazioni dell'udito... è un senso importante, meraviglioso e perfetto e possederlo è uno dei tanti privilegi di cui ci ha dotato  la Natura!!!!