mercoledì 30 agosto 2006

Breve resoconto

Giornata fantastica come previsto. La sottoscritta (e solo la sottoscritta) ha trovato i porcini (un kilo) e il papi e il consorte si sono consolati con altre specie. Stasera mi sono fatta un mazzo a cucinarli e conservarli... Alcuni li ho impanati e fritti, alcuni li ho impanati e congelati, molti li ho puliti e messi a seccare (scorta invernale :-P)... ma quelli che ho gradito di più sono stati le cumbette verdi e le mazze da tamburo: le ho pulite, tagliate a listelle, messe sulla piastra e poi condite con olio, prezzemolo, origano e due spicchi d'aglio lasciati interi... sublimi!!! Papà era contentissimo, nella natura lui ritrova il sapore dell'infanzia. Domani gita nell'entroterra della riviera. Passerò anche da Triora (chi legge il blog sa la valenza che questo paese ha nel mio cuore). Chiudo con un omaggio non floreale ma fungino.

le ferie proseguono

Un post velocissimo. Mi sto preparando per recarmi a funghi con papà e il consorte. Sono troppo felice. Andare per boschi con papi è meraviglioso, un ritorno all'infanzia. Fin da piccola pipi mi ha trasmesso l'amore per la natura... a costo di portarmici in camalletta quando i luoghi erano più impervi. Lui così sensibile al bosco e ai suoi abitanti è riuscito a trasmettermi la passione per loro. Credo che devo a mio padre ( e forse anche a mio nonno di riflesso) la mia mania di conoscenza delle specie animali e vegetali e per il mutare delle stagioni. Gironzalare nella natura con papy è una continua lezione di storia naturale, date le sue conoscenze in merito, e la cosa che mi ha sempre più emozionato è il sentimento e la semplicità con cui lui sa trasmettere le sue "sapienze", il suo modo d'infervorarsi quando trova un fungo o scova una bella farfalla. Oggi sarà una bellissima giornata!!! A proposito di boschi ho acquistato ieri un libro molto interessante che sto divorando: "Monte Bano, molte storie" tratta della vita dei contadini abitanti quei paesi "liguri-montani" che ora sono stati completamente abbandonati. Il tutto è nato dalla mia mania per questi paesi disabitati e dal desiderio di visitarli. Sono completamente assorbita dalla lettura e dalla descrizione delle ardue vite che questi uomini e donne conducevano "per sbarcare il lunario". Un'esistenza che faceva i conti interemante con madre natura sia nei suoi aspetti dolci che in quelli più crudeli. Vita in simbiosi con la terra e con gli animali. Vita in cui i boschi erano la ricchezza principale perchè fornivano tutto. Le prossime gite da attuarsi in queste ferie saranno proprio in questi paesi, se mi trasmetteranno le emozioni che auspico ne farò sicuramente un dettagliato resoconto in questo blog.  Infine... prima di chiudere il post... ho letto sul giornale che domani sarà la "giornata del blog", in quanto la data 3108 ricorda la scritta blog in corsivo (beate le menti contorte che hanno notato ciò).... colgo quindi l'occasione per fare gli auguri e ringraziare tutti i miei visitatori.... pochi ma veramente buoni!!!!

lunedì 28 agosto 2006

Scenette di compleanno (su emulazione del blog di Taty)

ma cosa cucinerà di buono oggi la mamma???? io ci sbircio, anche se so che lei non vuole che salga lassù, basta far finta di niente e fischiettando guardare in alto

uuuh i gamberi!!!!
Che bontà!!! Qui qualcuno si lecca i baffi pregustando la sfiziosa pappina e godendo dei raggi del sole!!!!
ma i suoi sogni vengono spezzati dall'arrivo della sorella rompipalline

"e questa cosa vuole???"
"dulcis" in fondo la torta che mi hanno portato la mimi e il pipi 

giovedì 24 agosto 2006

FERIE

Bene... finalmente io e il consorte siamo ufficialmente in ferie!!!! Il blog tuttavia non chiude perchè restiamo a casa in quanto abbiamo numerose faccende da sbrigare. Ci concederemo gite, raccolta di funghi e cenette fuori che cercherò d'inserire in qualche modo nel blog. Domani è il mio compleanno e organizzo una bella cenetta con il consorte e i miei genitori: squisitezze a base di pescioni. Ieri la Luisa e la Gorghy mi hanno ricoperta di magnifici regali ed è stato bello il modo in cui mi sono stati offerti e soprattutto i loro significati. Sono due persone splendide e mi devo ritenere fortunata ad averle incontrate. Io e il consorte per i nostri compleanni invece ci siamo donati una bella digitale nuova di zecca che credo che ritornerà utile anche a questo blog. Saranno le ferie, sarà che il pipi sta meglio ma mi sento nuovamente in stato di grazia... i problemi ci sono ancora, in primis il lavoro ed altri interventi previsti in famiglia, ma per ora metto tutto tra parentisi e cerco di godermi la vita... a piccoli passi, gradatamente affronterò ogni cosa. Oltrettutto sto diventando ottimista, con i piedi di piombo, ma sono ottimista è un buon passo.

lunedì 21 agosto 2006

PANISMO

Si definisce panismo, in qualsiasi forma d'arte, un atteggiamento improntato ad esaltazione della natura. Il panismo è legato al panico, il turbamento che l'uomo prova dinnanzi alla maestosità della natura, natura spesso intrisa anche di un senso divino o assimilabile con la divinità stessa  (Pan). Il panismo volendo può essere anche un po' sinonimo di quel senso del sublime kantiano di cui parlavo nel post di Triora il 28 Luglio. La natura così bella, grande e potente che fa paura all'umile uomo. Nella mia mente però vedo il senso del sublime quasi come un agorafobia in senso buono... una paura dello spazio aperto, di un paesaggio a perdita d'occhio o enormemente suggestivo come un cielo scuro e stellato, l'orrizzonte scrutato in un giorno di sereno, un monte rivestito di grandi alberi. Invece ho sempre considerato il panismo paura di essere risucchiati dalla natura, di entrare a far parte di essa, rimanerne inglobati. Quale poesia meglio della "pioggia nel pineto" di D'Annunzio rese l'idea del panismo (piove sui nostri volti silvani, piove su le nostre nostre mani...)??? In essa due amanti (il poeta ed Ermione)
vengono sorpresi da un'improvvisa pioggia estiva e verso dopo verso i loro corpi subiscono una metamorfosi (almeno linguistica) in forme vegetali. Ebbene io adoro il panismo e il senso del sublime, faranno anche paura, ma personalmente mi mandano in uno stato estatico, mistico ed energetico.
 In questo week end sono stata nei boschi per funghi ed entrando nella natura ho dimenticato tutto quanto di brutto mi attanagliava il cuore. Ho ammirato tracce di animali (compreso un albero scorticato da grandi unghie), ho udito suoni meravigliosi (canti melodiosi di uccelli, i martellamenti dei picchi, l'urlo del falco, il rumore delle fronde di alberi maestosi mossi dal vento, il gorgoglio dei ruscelli), ho osservato una cinquantina di tipi di funghi diversi, ho annusato l'inebriante e appiccicosa resina di pino, ho respirato il profumo della terra. Questa natura così bella è stata anche generosa offrendoci porcini, nocciole e more. Non c'è nulla da temere ad abbandonarsi a lei, grande Madre di tutti noi... ma all'Uomo susciterà sempre paura perchè questa madre non dimenticherà mai di ricordare ai suoi figli quanto in realtà essi sono piccoli e impotenti e l'uomo testardo non capirà mai questa lezione credendo di poterla ingabbiare e piegare e distruggere, mancando di ogni forma di rispetto e umiltà.  Ma Essa non è una cristiana madre pietosa... ma una grande forza primordiale e primo o poi ci farà capire, c'impartirà la punizione che meritiamo anche a costo di autodistruggersi. Se  perirà lei infatti moriremo noi, non dovremo mai dimenticarlo.

sabato 19 agosto 2006

Finalmente sono di nuovo serena... Innanzitutto il pipi sta decisamente meglio, ieri sera ho trascorso una splendida serata con la Gorghy e il consorte questo week end è finalmente un po' in festa. Oggi siamo andati per funghi, domani replay per l'intera giornata (tempo permettendo) con pappa al sacco. Vi posto la foto del porcino gigantesco che ho trovato oggi, uno solo... ma come potete vedere dall'immagine l'ho presa ironicamente e spero proprio di rifarmi domani. Bacini

giovedì 17 agosto 2006

Povera Italia, povera

Oggi giornata lievente più serena a livello di umore, ciò non è valido per il meteo. Diluvia da giorni, siamo in stato di allerta 1, tutte le coltivazioni sono state distrutte dalla grandine, soprattutto quelle di basilico (...e con cosa lo preparo ora il pesto??? SOB :-().Sfogliando i vecchi diari ho constato che nel 1996 (10 anni fa) il 13 di agosto era avvenuta una spaventosa grandinata... subito ho pensato "lo vedi che è normale? in 10 anni nonostante i danni che facciamo alla natura non è cambiato quasi nulla!!!" invece ora inizio a preoccuparmi perchè è da più di una settimana che diluvia, ricordo gli acquazzoni estivi, ma soprattutto a fine estate e non continui. Comunque amo la pioggia e il tempo uggioso... quindi dovrei giubilare, ma mi rendo conto quanto questo influisca negativamente sull'umore delle persone. Stamane sono salita sull'autobus, ero già mesta di mio, ma appena a bordo credevo di essere capitata in una situazione surreale, almeno 5 persone , sconosciute tra loro, piangevano... altre avevano gli occhi arrossati.... mamma mia!!!! Oggi pomeriggio invece ho proposto a mio marito di fare un giro al centro commerciale e all'Ikea, pensando  (durante la settimana e due giorni dopo ferragosto) "non ci sarà nessuno"... non abbiamo trovato parcheggio... una carneficina, sembrava di essere sotto Natale. Mi chiedo come mai??? se siamo tutti così ricchi perchè non ci troviamo sotto il bel sole dei Tropici sdraiati su fini sabbie? Perchè non facciamo shopping di lusso anzichè contenderci le offerte e i rimasugli dei saldi? Perchè ci compriamo i mobili all'Ikea? Mah... Comunque stasera vado a mangiare fuori con il mio consorte e festeggiamo il suo compleanno... finalmente una serata insieme! A proposito di ricorrenze è un anno esatto che Diana vive con noi!!!
P.S stamane sono uscita prima dal lavoro ( eravamo completamente senza corrente elettrica e non si poteva fare nulla) e ho fatto un salto al mercato... era pieno di funghi porcini, naturalmente il prezzo era alle stelle ma che giubilo, non vedo l'ora che arrivi il referto a papà e che si riprenda e poi lo trascino per boschi, adoro annà per funzi con mé pué!!! Ciauuuu

mercoledì 16 agosto 2006

oggi vedo tutto nero... e il bicchiere mezzo vuoto

Dopo 5 giorni di ferie in cui speravo di divertirmi molto e durante i quali invece ho quasi interamente vegetato in solitudine (mio marito ha sempre lavorato) oggi sono in uno stato pseudo-depressivo... vedo tutto nero. Non vivo il tempo uggioso come di consueto... ovvero come una coccola, ma in maniera gotico-letargica. Vi comunico, inoltre, che mi attendono 7 lunghi anni di disgrazie!!! Ieri sera infatti per cercare di reagire al clima triste di questi giorni, con mio marito siamo partiti in moto per la Riviera e siamo andati a vedere i fuochi. Al ritorno ero finalmente serena ma appena ho aperto la porta di casa il sorriso mi si è spento sulle labbra. In camera da letto possedevo un magnifico specchio in ferro battuto (che per altro fu il primo arredamento introdotto in codesta casa), dico "possedevo" perchè non esiste più. Quella gattina tanto carina, tutta tigrata e cucciolina che potete ammirare nella foto in alto alla vostra sinistra dopo mille tentativi finalmente è riuscita a saltarvici sopra, con conseguente sbilanciamento dello stesso e caduta. Ai miei occhi quindi si presentava lo spettacolo del mio magnifico specchio, sdraiato su se stesso, con la parte di vetro rivolta verso l'alto e ridotta in mille schegge. Pulendo mi sono pure bucata un dito... un taglietto da nulla, ma è uscito mezzo litro di sanguino.
Bene ho raccontato questo piccolo aneddoto perchè in quanto depressa non voglio dire altro... e nemmeno spiegarne i motivi, so per esperienza che potrei sbraitare cose di cui poi mi pentirei, dunque l'esperienza m'impone di tacere. Buonanotte.

lunedì 14 agosto 2006

A volte cado in crisi, a volte sono forte. Per poter essere forte ho compreso che bisogna essere anche un po' egoisti... almeno verso coloro che non si meritano la nostra attenzione. Per esempio credo di avere smesso di preoccuparmi delle opinioni altrui (esclusi coloro che mi amano veramente). In fondo come cantava una vecchia canzone "se sei buono ti tirano le pietre, se sei cattivo ti tirano le pietre". A volte mi ritrovo a pensare che non m'interessa più se le persone si fanno un'idea sbagliata della sottoscritta, l'importante è la mia libertà di azione e di pensiero. Ci sono persone con cui è inutile spiegarsi, si parla con il vento, una volta reputavo ciò inconcepibile, non volevo crederci, pensavo che la strada del dialogo portasse sempre alla pace e alla comprensione, ma alla fine ognuno è arroccato nel proprio castello e raramente possiede la sensibilità di capire, perchè è troppo prigioniero dei propri schemi. Ho passato questi ventotto anni a cercare sempre di mettermi nei panni altrui, sono stata educata con il motto morettiano "le parole sono importanti" per non arrecare offesa... ma alla fine credo che tutto ciò sia vano. Sono stufa dei compromessi che poi alla fine si rivelano sempre sconfitte. Sono stufa di analizzarmi dalla mattina alla sera cercando di comprendere che cosa non va in me, il vero passo della saggezza è ammettere i propri difetti, accettarli e conviverci... non sempre vale la pena di "cambiarsi", a maggior ragione se "l'abito" non è della tua misura. Sono stufa di cercare di cambiare per gli altri anche perchè fondalmente non reco danno a nessuno. Sono permalosa questa è l'unica cosa da cambiare e che sta cambiando. Il resto va accettato. A volte prediligo la solitudine alla compagnia. Mi piace uscire, vedere il mondo, fare esperienza e provare emozioni all'esterno...ma non disdegno (anzi a volte prediligo) la tana della mia casa, dove posso trovare me stessa, i miei hobby, i miei libri e perchè no i miei sogni accantonati. Sono fiera di me, perchè non ho grossi rimorsi, ho sempre concluso tutto ciò che ho iniziato e ho farcito la mia esistenza degli ingredienti che volevo. A volte sono troppo impulsiva, a volte prima di agire mi faccio 2000 seghe mentali e ho bisogno di 2000 consulti. Non tollero sentirmi prigioniera delle situazioni e questa condizione a volte può provocarmi delle vere crisi isteriche... questo perchè io parto sempre dal presupposto che la mia libertà finisce dove inizia quello degli altri... ma gli altri non lo fanno. A questo punto della mia vita sono combattuta molto tra due principi educativi che mi sono stati inculcati: il quieto vivere e la coerenza, sono due ossimori, non vanno d'accordo. Se vuoi essere coerente non puoi  abbassarti alle regole del quieto vivere!!!! Scelgo la coerenza, la lotta per le mie idee, l'affermazione della mia persona, la mia libertà. Sono una ragazza semplice che si emoziona non per oro, viaggi epici o beni materiali, ma per il primo bocciolo a primavera, le foglie che cadono in autunno, la neve, il ritorno delle rondini, camminando nella natura, leggendo un bel libro, vedendo un bel film, godendo della pace di un istante trascorso con chi amo. Questa è la mia ricchezza. La ricchezza più bella che mi hanno trasmesso i miei genitori, le persone che più amo insieme a mio marito, le mie poche vere amiche e le mie micie. Questa ricchezza non può costituire discriminazione... Quindi pensate pure quello che volete...ma non limitatemi, io sono Francesca e chi sono ormai lo so...nel bene e nel male io mi accetto così!!!
P.S. queste cose forse dovevo scriverle nel mio diario e non in un pubblico blog... ma postando le ho scritte di getto... quindi sono queste parole che hanno voluto essere qui. Buon ferragosto!!!

sabato 12 agosto 2006

Le pesche tabacchiere

Bene iniziamo anche a contaminare il mio blog con le mie manie almanaccose, già palesate con la psicosi del trascorrere delle stagioni,  inerenti anche allo "studio ed approfondimento" di tutte le varie specie animali e vegetali. Questa passione d'individuare la tipologia di ogni singolo fiore, frutto, uccellino, farfalla o essere vivente me l'ha trasmessa il mio papy e a lui devo dire grazie se la mia vita è animata da costanti ricerche e scoperte. Oggi nel mio giro al mercato ho avuto modo di scoprire una nuova ( per me) qualità di pesca, che mai avevo gustato e che ho dovuto subitamente acquistare:


la pesca tabacchiera!!!!!!!
Sui libri in casa non ne ho trovato traccia... ma girovagando per la rete ho appreso qualcosina di più. Le pesche tabacchiere, altrimenti dette saturnine, provengono dalle pendici dell'Etna. Sono caratterizzate da una curiosa forma schiacciata (da cui il nome) che a me personalmente ricorda molto quella delle classiche zucchette ornamentali. Queste pesche, sia a pasta gialla che bianca, sono "famose" per il loro profumo intenso e per la morbidezza della loro polpa, per questo motivo vengono largamente impiegate nell'industria dolciaria e nella produzione di rosolii. Purtroppo la loro forma le rende inadatte all'imballaggio... e quindi all'esportazione ed alla diffusione. Coltivate anche in Turchia, sono state introdotte sulle pendici dell'Etna (dove hanno trovato un ottimo habitat) nientepopòdimeno che dai discendenti del famoso ammiraglio inglese Orazio Nelson. A pranzo le ho assaggiate... il gusto naturalmente è di pesca... ma molto delicato e la polpa morbida morbida... insomma mi sono piaciute. Al di là di questa piccola scoperta e qualche acquisto alimentare oggi sono stata molto "formichina" e non ho speso un centesimo per libri e dvd... ero assillata da una frase coscienziosa che si ripeteva nella mia mente: "VERGOGNA CON TUTTI QUELLI CHE HAI A CASA"... e quando penso così è finita... non c'è più gusto. Comunque mi devo davvero mettere sotto con la lettura, sono vergognosa e non è da me, il guaio è che sto diventando disordinata pure in questo caso: sto leggendo 4 libri contemporaneamente e non ci capisco più un tubo!!!! Mah...

venerdì 11 agosto 2006

passano le stagioni....

Cala la sera e si può constatare come le giornate si siano accorciate. Sono le 8 ed è praticamente buio. Ieri era san Lorenzo e con Fede siamo saliti sul terrazzo del tetto per guardare il cielo, speranzosi di scorgere una stellina cadente (non guastava poter esprimere un desiderio), ma la foschia e la luna a palla che rischiarava a giorno, ci hanno istantaneamente fatto desistere dal nostro proposito. Oggi e lune ho preso feria così con due giorni me ne schioppo 5... ma anzichè giubilare della mia condizione di libertà ho trascorso l'intera giornata in stato larvale... anzi è più appropriato dire letargico dal momento che ho sonnecchiato tutto il giorno. Eh va beh si vede che il mio corpicino necessitava di fare la nanna, però quando calano le tenebre della notte puntualmente mi pento di aver buttato via una giornata così. Da piccola non dormivo mai, all'epoca filosofeggiavo già che "il sonno è vita persa"(ero la disperazione dei miei genitori) ora invece non disdegno una buona pennichella, anzi a volte mi sembra di dover recuperare tutte le dormite che non ho fatto nella mia vita!!! Sarà l'età??? Domani  però recupererò trascorrendo la mattinata del sabato come più adoro: sveglia alle otto, esco con mio marito e andiamo a piedi in centro, colazione seduti al bar, giro di rito da Feltrinelli e Fnac, compere al mercato ortofrutticolo ... Lo so è banale ma io adoro tutto ciò. Adoro passeggiare e  far colazione con lui seduta al bar del caffè,  inebriarmi del profumo dei libri, comprare un dvd, possibilmente horror o d'autore, in offerta... e poi farmi gli occhi sui prodotti di stagione al mercato. Penso di avere una fissa per il mercato e credo che questo sia legato alla mia mania di vivere intensamente le stagioni. La frutta e la verdura scandiscono il tempo. Posso fare economia su tutto ma non privatemi dell'acquisto delle primizie... ora per esempio dovrebbero incominciare ad apparire i fichi, ne ho già presi alcuni, ma non erano ancora piccoli e dolci...mmmmh! Oggi tra una dormita e l'altra ho anche riordinato la cucina, buttato via qualche inutilità, spostato di posizione piatti e scorte... almeno di questo sono soddisfatta! Il guaio di questa casa, che definirei abbastanza grande, è che è totalmente vissuta (da me, Fede e le gatte)... quindi anche quando è lustrata a dovere hai già la consapevolezza che quel magnifico stato di ordine sarà mooolto effimero.....
Buon week end.

giovedì 10 agosto 2006


scrivendomi con Taty ho parlato di lui... il mio angioletto custode!!!
Maffi

martedì 8 agosto 2006

tramonto

stasera uscendo  sul terrazzo ho visto questo:



 beccatevi anche voi questo fantastico tramonto!!! Grazie Madre Natura!!!!!

Luisa, Gorghy e le persone

Oggi (che è stata una giornata davvero campale) due delle mie migliori amiche... anzi le definirei le mie due migliori amiche, mi hanno perfettamente analizzata psicologicamente. Prima la Luisa mi ha "rimproverata" tacciandomi di essere troppo ottimista... per un attimo sono rimasta perplessa perchè nella vita tutti mi hanno sempre accusata del contrario. Ma lei, come mi ha spiegato, non si riferiva al mio rapporto con la vita, bensì con le persone. Ha ragione, pur avendo un concetto piuttosto pessimistico del genere umano, io continuo ogni giorno che passa ad essere fiduciosa nel prossimo ed ad esternare  i miei sentimenti e le mie sensazioni. Peccato che molta gente sia malvagia e, o perchè non ragiona quando parla o per pura cattiveria,  tende a rigirarmi contro le mie parole. Devo smetterla di scoprirmi così!!! Grazie Luisa, mi hai fatta ragionare, sei una vera amica soprattutto perchè sei sincera, sempre e comunque, anche quando devi essere dura con molto tatto fai capire come la pensi...è una rara qualità che ho dimenticato di scrivere nel biglietto. La seconda amica-psicologa è stata la Gorghy che mi ha detto una cosa molto bella e giusta. L'ho incontrata oggi mentre mi recavo da papà all'ospedale e, mentre come al solito ci narravamo le nostre sfortune, io ho accusato un tremendo mal di gambe, che mi accompagna da ieri. Lei mi ha detto che in psicologia il dolore alle gambe è associato alla paura o alla sensazione di perdere un sostegno. In effetti oggi hanno operato papi e quale più grande sostegno c'è di lui... è una delle mie TRE colonne portanti. Grazie della diagnosi Gorghy... vederti oggi è stato molto piacevole, un piccolo raggio di sole nella giornata tenebrosa... e non temere prima o poi ci siederemo ad un tavolino a rimirare la serenità!!!!

lunedì 7 agosto 2006

quando Fede (il mio consorte) d'inverno indossa il giaccone mi ricorda sempre questo personaggio di Memole!!!!

domenica 6 agosto 2006

Arcobaleno


Questo è lo spettacolo di cui giovedì sera ho potuto godere dal mio terrazzo!!! Peccato che le foto non rendano sempre la realtà perchè posso garantire che dal vivo era davvero mozzafiato... Prima c'era il cielo quasi azzurro con due archi netti che potevo ammirare dall'inizio alla fine, poi il cielo si è nuovamente inscurito (questa è la fase ritratta dalla foto) infine è divenuto tutto nero e dell'arcobaleno si vedeva solo l'inizio che fuoriusciva dal mare come una fontana colarata... il sole stava tamontando e il mare era dipinto con delle strane gradazioni di colore che andavano dal verde all'arancio... sull'orrizzonte mille lampi!!! Meraviglioso. Venerdì invece l'aria era nitidissima e ho potuto godere di un panorama rifinito nei minimi dettagli. Sabato ha nuovamente piovuto e oggi è tutto sereno, ma finalmente le temperature sono più accettabili. Madre Natura se vuole sa essere una vera artista!!!!
questa settimana non sarà per niente facile... mi auguro solo (metaforicamente parlando) che dopo la tempesta potrà risplendere l'arcobaleno e tutti respireremo una splendida aria fresca. Ti voglio bene pipi... e sarò sempre la tua "prigioniera" della Valbrembana!!!

mercoledì 2 agosto 2006

Finalmente hanno levato i ponteggi dal terrazzo e così alle 18.00 sono salita di sopra una decina di volte con secchi ricolmi d'acqua e bagno-schiuma per dare una bella ramazzata al pavimento. Mi sembrava di essere una bambina che giocava: correvo a piedi nudi su un suolo allagato e ricoperto di schiuma agitando a destra e a manca una vecchia scopa... mi sono divertita molto in questa concessione di ritorno all'infanzia. Il culmine però l'ho raggiunto stasera. Finalmente intorno alle 21 il cielo si è oscurato e ha iniziato a piovere a goccioloni. Così la sottoscritta, stremata da un mese di afa, ha deciso di godere pienamente di questa manna... sono nuovamente salita di sopra e "me la sono presa tutta"... le braccia e il volto protesi al cielo... ah avevo quasi freddo... poi rimembrando il divertimento del pomeriggio ho ripreso la scopa e ho rincomiciato a ramazzare a destra e a manca ...... chi mi vedeva poteva pensare che fossi una pazza... in realtà ero una strega... si una strega a tutti gli effetti... armata pure di scopa... che con la sua gioia ringraziava madre natura per questo fantastico acquazzone. Sono rientrata a casa zuppa sotto lo sguardo allibito di Fede...e mi sono direttamente buttata sotto la doccia. Ah che senso di libertà e che fantastico svuotamento mentale che ho provato! Buonanotte da miss meletta: nota streghetta!!!!

martedì 1 agosto 2006

Fuori il tempo è uggioso speriamo almeno che duri un po' e che piova per benino... non come giovedì che è venuta mezz'ora di tromba d'aria e di grandine per poi ritornare più caldo di prima. In quei momenti mi sembrava di essere la protagonista di un film catastrofico intenta a salvare i miei averi sul terrazzo mentre il vento me li sbatteva violentemente addosso... mai vista una cosa così. Ho temuto per un attimo che la mia casa venisse sollevata e trasportata nel meraviglioso mondo di OZ!!!!
stasera mi sono connessa con l'idea di scrivere l'ultimo post di luglio... magari pitturando verbalmente frasi patetiche partorite dalla mia mente su quanto scorra velocemente il tempo...su come questo luglio 2006 sia stato abbastanza infame... volevo fare un dettagliato resoconto di questa giornata di fine luglio... poi però è successa una cosa strana... ho navigato di blog in blog come le api ronzano di fior in fior e quando mi sono desisa a sfornare il mio temino quotidiano mi sono ravveduta di una cosa alquanto curiosa: è agosto!!!... precisamente sono le 0.16...  che roba assurda che è lo scorrere del tempo... è una burla... non passa mai quando t'annoi, corre quando ti diverti. 
Sono molto sensibile al suo scivolare, allo scorrere delle stagioni. Fin da piccola (matura l'infanta vero?)mi rimprovero aspramente quando, annoiandomi o svolgendo un compito palloso, desidero ardentemente  che le lancette dei minuti seguano in velocità quelle dei secondi, perchè (è macabro pensarlo) ma arriverà un momento alla fine della vita... in cui considererò preziosi anche quei minuti disdegnati. Ma non deprimiamoci perdindirindina ...
Luglio 06 mese crudele di funeste avventure, torrido e insipido sei finito... ciao, buonanotte! Benvenuto agosto... il mio mese... le cose più importanti della mia vita sono spesso successe ad agosto... ad agosto sono nata e rinata più volte, ad agosto è nato Federico, ad agosto ci siamo conosciuti e ad agosto ci siamo sposati. Ad Agosto la piccola Dianina (piccolo batuffolo felino) è entrata a far parte della nostra famiglia. Agosto non deludermi. C'è da dire una cosa però... intorno alla data del mio compleanno la mia salute rischia grosso...ogni anno mi succede qualcosa da quando nacqui: attacchi di appendicite, cani che mi mordono, vasi che s'infrangono sulla mia testa dura... Speriamo in bene! Buonanotte